Regole tecniche per il protocollo informatico

Regole tecniche per il protocollo informatico

Le ultime Linee guida Agid poste a consultazione, si pongono lo scopo di aggregare i numerosi provvedimenti che si sono succeduti negli anni sui temi della formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici. Un obiettivo positivo rispetto alla semplificazione normativa. Le norme transitorie e le abrogazioni, generalmente stabilite nella parte finale dei provvedimenti normativi, sono nel paragrafo 1.

Altri testi normativi vengono abrogati o sostituiti da allegati alle Linee Guida. Le Linee guida si pongono certamente lo scopo di aggregare i numerosi provvedimenti che si sono succeduti negli anni sui temi della formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici. Questa operazione costituisce certamente un obiettivo positivo rispetto alla semplificazione normativa. Nel paragrafo 1. Nel paragrafo 2. In questa parte del testo si comincia a verificare la scelta di AgID di utilizzare un linguaggio colloquiale.

Sul piano evolutivo e correttivo si evidenzia che vengono introdotte le opzioni di utilizzo del sigillo elettronico qualificato e la firma elettronica avanzata. Il paragrafo 3. La consultazione pubblica potrebbe indurre a commenti sul tema da parte di soggetti con ulteriori esigenze particolari. I l paragrafo 4. Le Linee Guida aggiornano e chiariscono alcuni punti.

Protocollo informatico, ecco cosa accade con le nuove regole

La materiale conservazione dei dati sul territorio nazionale non appare giustificata da alcuna normativa o esigenza specifica, specialmente quando si parla di cloud. La segregazione fisica e logica stabilita di fatto descrive sistemi virtuali di server e non architetture cloud nel paradigma IaaS Infrastructure as a Service.

Non abbiamo dimenticato i tre allegati numero 3, 4 e 5, rispettivamente sulla Certificazione di processo, Standard e specifiche tecniche, Metadati. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.Le Pubbliche Amministrazioni dovranno attivare processi interamente digitaligarantire la conservazione digitale dei propri atti e dei propri documenti informatici.

Le nuove regole tecniche per il sistema di protocollo informatico prevedono la nomina del Responsabile della Gestione documentale. Sito web. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Categorie Leggi e normative. Tags protocollazione informatizzata protocollo informatico regole tecniche sui documenti informatici. Sistema di gestione e conservazione dei Log di Sistema. Il sistema di protocollo deve poter comunicare con il servizio di conservazione.

Rispetta le norme di sicurezza e privacy rispetto a documenti ed utenti. Le PEC possono essere associate a un registro di protocollo per la protocollazione dei messaggi ricevuti e spediti. I dati relativi alla segnatura di protocollo sono associati al documento in un file XML. Gestione dei documenti non soggetti a protocollazione e dei documenti soggetti a registrazione particolare.

Sistema di classificazione che integra informazioni di aggiornamento, tempi, criteri e regole di selezione e conservazione e riferimenti alle procedure di scarto.

Potrebbe interessarti anche. Gli ultimi aggiornamenti in tema di lavoro agile Leggi ancora. Leggi ancora. Accetta le condizioni: Privacy Policy.Le regole tecniche per la protocollazione e la conservazione dei documenti informatici entrano definitivamente in vigore con l'avvenuta pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Emanate lo scorso 3 dicembre con due distinti decreti del Presidente del Consiglio dei ministri sono disponibili nella sezione dedicata alla gestione dei procedimenti amministrativi. L'Agenzia per l'Italia Digitale opera per la modernizzazione della PA introducendo nuovi processi orientati al miglioramento dei servizi resi, alla trasparenza dell'azione amministrativa e alla razionalizzazione dei costi. Vale la pena sottolineare che l'esperienza di questi anni ha suggerito di procedere a una rivisitazione di quanto a suo tempo stabilito.

Si tratta di due operazioni ben distinte che si basano su tecnologie e su criteri del tutto diversi. Sono le nuove regole tecniche a delineare e chiarire i compiti del Responsabile della conservazione tra cui rientrano la redazione obbligatoria del manuale della conservazione, documento che illustra dettagliatamente l'organizzazione, l'architettura, le infrastrutture, il processo, le misure di sicurezza e ogni altra informazione utile alla gestione e alla verifica del sistema di conservazione nel tempo.

Si prevede che le pubbliche amministrazioni, qualora affidino il servizio all'esterno, debbano necessariamente fare riferimento a conservatori accreditati pubblici o privati. Le nuove regole tecniche vigenti per il protocollo informatico adeguano il contenuto delle precedenti regole tecniche, di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 31 ottobrea quanto disposto dal decreto legislativo 7 marzo n. Vai al contenuto Vai al menu principale Vai al menu secondario contatti Vai al menu secondario news e eventi Vai alla ricerca Vai al percorso di navigazione.

Home Mappa sito Privacy Contatti. News Eventi Comunicati Newsletter. Protocollo informatico, ecco cosa accade con le nuove regole 20 marzo Anagrafica e certificazioni Registro imprese Albo imprese artigiane Albi e ruoli Ambiente e rifiuti Fatturazione elettronica.Gentile cliente, per migliorare le performance tecniche di Altalex e del Suo profilo personale, la invitiamo a recuperare la password cliccando sul pulsante OK.

La ringraziamo e le auguriamo una buona navigazione. Il DPCM 13 novembre detta le regole per la formazione, l'archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici sia per i privati che per le pubbliche amministrazioni.

Le regole chiariscono innanzitutto art. Le regole art. Adeguato spazio viene anche dedicato al rispetto delle misure di sicurezza art. Specifiche disposizioni vengono dettate anche per la formazione dei registri e repertori informatici, per il trasferimento in conservazione e per le misure di sicurezza.

Altalex, 20 gennaio Nota di Michele Iaselli. Regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonche' di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni ai sensi degli articoli 20, 22, bis, ter, 40, comma 1, 41, e 71, comma 1, del Codice dell'amministrazione digitale di cui al decreto legislativo n. Visto il decreto legislativo 7 marzon.

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembren. Visto il decreto legislativo 22 gennaion. Visti gli articoli da 19 a 22 del decreto-legge 22 giugnon. Visto il Regolamento UE n. Visto il decreto del Presidente della Repubblica 21 febbraio con cui l'onorevole dottoressa Maria Anna Madia e' stato nominata Ministro senza portafoglio.

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 febbraio con cui al Ministro senza portafoglio onorevole dott. Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 aprile recante delega di funzioni al Ministro senza portafoglio onerovole dott. Acquisito il parere tecnico dell'Agenzia per l'Italia digitale. Sentita la Conferenza unificata di cui all'art. Di concerto con il Ministro dei beni e delle attivita' culturali e del turismo per le parti relative alla formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni.Le presenti Linee Guida contengono le regole tecniche sugli ambiti materiali disciplinati dalle seguenti disposizioni del CAD:.

Sempre a far data dalla data di applicazione delle presenti Linee guida, la circolare n.

regole tecniche per il protocollo informatico

Restano efficaci le disposizioni di cui alla Circolare n. I principali riferimenti normativi presi in considerazione ai fini della redazione delle presenti Linee Guida sono i seguenti:. Ne deriva che, nella gerarchia delle fonti, anche le presenti Linee Guida sono inquadrate come un atto di regolamentazione, seppur di natura tecnica, con la conseguenza che esse sono pienamente azionabili davanti al giudice amministrativo in caso di violazione delle prescrizioni ivi contenute.

La gestione dei documenti informatici prosegue con il suo trasferimento in un sistema di conservazione da realizzarsi in ottemperanza a quanto disposto dal CAD e dalle presenti Linee guida. Progetto: Documenti in consultazione. Amministrazione: AGID. Cerca nel documento. Scarica pdf html epub. Introduzione, strumenti di lettura e disposizioni comuni 1. Scopo del documento 1. Ambito soggettivo di applicazione 1. Ambito oggettivo di applicazione 1. Abrogazioni e norme transitorie 1.

Principali riferimenti normativi 1. Linee guida AGID richiamate 1. Gruppo di lavoro 1. Allegati 1. Premessa metodologica 1. Natura vincolante delle Linee Guida 1. Principi generali della gestione documentale 2. Formazione dei documenti informatici 2. Documento informatico 2. Formazione del documento informatico 2. Copie per immagine su supporto informatico di documenti analogici 2. Duplicati, copie ed estratti informatici di documenti informatici 2.

Il documento amministrativo informatico 2. Formazione del documento amministrativo informatico 2. Copie su supporto informatico di documenti amministrativi analogici 3. Gestione documentale 3. Registrazione informatica dei documenti 3. Ambito di applicazione 3.

Adeguamento organizzativo e funzionale 3. Formato della registrazione e della segnatura di protocollo 3. Annullamento delle informazioni registrate in forma immodificabile 3.

regole tecniche per il protocollo informatico

Requisiti minimi di sicurezza dei sistemi di protocollo informatico 3.Quasi un dossier. Come nel testo previgente, anche il DPCM esordisce enucleando gli obblighi in capo alle amministrazioni pubbliche.

Per quanto concerne il sistema di protocollo informatico propriamente detto, anche questo decreto prende le mosse dal cd.

Si tratta, in sostanza, di una norma di salvaguardia e di tutela del registro di protocollo come atto pubblico di fede privilegiata. Fra i compiti confermati di maggior rilievo del responsabile della gestione documentale, il decreto ricomprende la predisposizione dello schema di Manuale di gestione art.

regole tecniche per il protocollo informatico

Oltre la norma: il sommario del Manuale di gestione con le integrazioni del records management e delle procedure protocollari. Fin qui il dettato normativo. Restano escluse tutte le operazioni di routine tipiche delle amministrazioni pubbliche e quelle peculiari di ciascun modello organizzativo di gestione dei documenti records management.

Essi potrebbero essere, a titolo di esempio:. In conclusione, il Manuale di gestione deve essere riprogettato ex novo oppure aggiornato con uno sguardo alle nuove procedure dettate dalla tecnologia.

regole tecniche per il protocollo informatico

Altri articoli dell'autore. Dal nucleo minimo al nucleo minimalista Per quanto concerne il sistema di protocollo informatico propriamente detto, anche questo decreto prende le mosse dal cd.

Normativa protocollo e archivio nella pubblica amministrazione

Oltre la norma: il sommario del Manuale di gestione con le integrazioni del records management e delle procedure protocollari Fin qui il dettato normativo. Newsletter Abbonamenti.L'accesso alle informazioni relative ai dipendenti acquisiste nel protocollo informatico, il sistema in cui si registrano i documenti in entrata e in uscita di un'azienda o di una Pa, deve essere limitato al solo personale specificamente incaricato della gestione di determinati dati personali dei lavoratori.

Protocollo informatico e protezione dei dati personali dei lavoratori - 11 ottobre Registro dei provvedimenti n. NELLA riunione odierna, in presenza del dott. Antonello Soro, presidente, della dott.

Navigazione

Giuseppe Busia, segretario generale. VISTO il d. YY con la dizione, rispettivamente, "osservanza disposizioni orario di lavoro" e "mancata osservanza disposizioni orario di lavoro s.

A seguito di tale richiesta di informazioni, la Direzione Aeroportuale di Malpensa, nel confermare la previa attivazione di un procedimento disciplinare nei confronti della segnalante, con nota del 17 maggio ha rappresentato che:.

La Direzione centrale di Enac ha inoltre precisato che:. La ricerca dello stesso documento nel corso degli accertamenti ispettivi ha dato esito negativo. Alla luce delle precedenti considerazioni, ai sensi degli artt. Informazioni personali rese accessibili, indipendentemente dalle mansioni in concreto svolte e non correlate alla gestione di dati personali dei dipendentia tutto il personale operante presso la sede di Malpensa con il ruolo di "impiegato", in violazione da parte di Enac di talune disposizioni del Codice in materia di misure minime di sicurezza.

Ai sensi degli artt. Roma, 11 ottobre Provvedimenti e normativa. Stampa e comunicazione. Diritti interna. Doveri interna. Search Form Portlet.

Provincia di Imperia

Protocollo informatico e protezione dei dati personali dei lavoratori L'accesso alle informazioni relative ai dipendenti acquisiste nel protocollo informatico, il sistema in cui si registrano i documenti in entrata e in uscita di un'azienda o di una Pa, deve essere limitato al solo personale specificamente incaricato della gestione di determinati dati personali dei lavoratori SCHEDA.

Stampa Stampa. Trasforma contenuto in PDF.


thoughts on “Regole tecniche per il protocollo informatico

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *